Marinotti e Associati
Marinotti e Associati

Contattateci

Se desiderate ulteriori informazioni non esitate a contattarci:

 

Marinotti e Associati

Via di Castel di Leva 263

00134 Roma

 

Telefono

06 71354090 / 06 71354074

 

E-mail

studiomaros@tiscali.it

 

Potete anche compilare il nostro modulo online.

Orario di apertura

dal lunedì al venerdì

8:30 - 13:00

15:30 - 19:30

Novità

Nuovo sito web

Consultate il nostro nuovo sito web. Troverete tutte le novità sui nostri servizi e progetti.

 

Leggete tutte le nostre novità.

Novità

Su questa pagina potrete aggiornarvi su tutte le nostre attività e novità.

Attestato di Prestazione Energetica

L'A.P.E. (attestazione di prestazione energetica) sintetizza le caratteristiche energetiche dell'immobile.

Il decreto 63/2013, poi convertito dalla legge 90/2013, ha introdotto l'Ape (attestato di prestazione energetica) al posto del precedente Ace (attestato di certificazione energetica) e ha sanzionato di nullità, in caso di mancata allegazione dell'Ape, a far tempo dal 6 giugno 2013, tutti i contratti di compravendita immobiliare (e pure di ogni altro contratto traslativo di immobili a titolo oneroso: permuta, conferimento in società, transazione, rendita, eccetera); i contratti di donazione e ogni altro atto traslativo di immobili a titolo gratuito; i "nuovi" contratti di locazione (vale a dire non i contratti che siano una proroga di precedenti contratti).

 

Pertanto sarà necessario nel caso si debba vendere la propria abitazione o stipulare un nuovo contratto di locazione, anche i relativi annunci commerciali tramite tutti i mezzi di comunicazione devono riportare l'Indice di prestazione energetica (Ipe) dell'involucro edilizio e globale dell'edificio o dell'unità immobiliare e la classe energetica corrispodente, contenute nell'attestato di prestazione energetica.

 

Durante le trattative di compravendita o di locazione, venditori e locatori devono rendere disponibile al potenziale acquirente o al nuovo conduttore l'attestato di prestazione energetica.

 

In caso di vendita l'attestato dovrà essere consegnato all'acquirente, così come in caso di locazione al conduttore.

 

Per misurarle, il tecnico deve analizzare le caratteristiche termo igrometriche, i consumi, la produzione di acqua calda, il raffrescamento e il riscaldamento degli ambienti, il tipo di impianto, eventuali sistemi di produzione di energia rinnovabile. L'attestato deve contenere anche i dati catastali dell'immobile.

Adottato dal Comune di Roma il Piano Esecutivo denominato "Castel di Leva" n° 12.4

Il piano esecutivo del nucleo di edilizia ex abusiva da recuperare n. 12.04 denominato "Castel di Leva" ricade nel Municipio XII ed insiste su un ambito urbano nel settore sud di Roma Capitale, a ridosso del G.R.A.

L'ambito interessato dal piano esecutivo ha un'estensione di circa ha. 103,68, una densità territoriale di 45 ab/ha dei quali:
• 4.655 abitanti totali di previsione, di cui 2.856 esistenti;
• 15,77 ettari a destinazione pubblica;
• 8,58 ettari è destinata a viabilità pubblica;
• 79,31 ettari a destinazione fondiaria privata;
• 2,16 ettari a destinazione fondiaria pubblica.

La dotazione degli standard di cui al D.M. 1444/68 è la seguente:
• Verde pubblico 10,19 mq/abitante;
• Servizi pubblici 6,54 mq/abitante;
• Parcheggi pubblici 7,40 mq/abitante;
• Totale aree pubbliche per Standard 24,13 mq/abitante.
Sono previsti inoltre parcheggi pubblici afferenti al non abitativo per complessivi 16.605,06 mq. e verde pubblico non abitativo per complessivi 6.642,02 mq.

Stato di attuazione
Adottato con Deliberazione di Assemblea Capitolina n. 57 del 6.12.2012

Nuovo Piano Casa Regione Lazio L.R. n° 21/2009 modificata dalle L.R. n° 10 e 12 /2011

La Legge Regionale n. 10/2011, integra ed apporta sostanziali modifica alla Legge Regionale n. 21/09 che più semplicemente identifica il "Piano Casa della Regione Lazio".
Il provvedimento, sicuramente innovativo, amplia le possibilità offerte ai cittadini ed alle imprese di intervenire sull'edilizia esistente a favore soprattutto dell'offerta abitativa.

Il provvedimento si applica a tutti gli edifici realizzati legittimamente, ma anche a quelli che hanno acquisito il titolo abilitativo in sanatoria. E' applicabile, altresì, anche a quelli non ultimati purché abbiano il titolo abilitativo edilizio.

La legge offre possibilità di ampliamento anche alle abitazioni esistenti in zone agricole e, con alcune prescrizioni, a quelle ricadenti nelle aree naturali protette; non pone più il limite dei 1.000 mc del fabbricato esistente su cui applicare l'ampliamento del 20%, che comunque rimane fissato ad un massimo di 70 mq.

Nuovo sito web

Consultate il nostro nuovo sito web. Troverete tutte le novità relative al nostro Studio, i nostri servizi e progetti.



Stampa Stampa | Mappa del sito
© Marinotti e Associati Via di Castel di Leva 263 00134 Roma Partita IVA: